MiArt 2014

Milano, Fieramilanocity, dal 27 al 30 marzo 2014

Dopo il successo della 18esima edizione miart, organizzata da Fiera Milano, prepara con molte novità la primavera dell’arte a Milano dal 28 al 30 marzo 2014.

Quattro le sezioni della fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea: Established (suddivisa al suo interno in Master, Contemporary e la nuova First Step per la gallerie giovani) presenta una selezione delle più importanti gallerie d’arte moderna e contemporanea; Emergent, per le gallerie d’avanguardia focalizzate sulla ricerca sui giovani artisti; THENnow, su invito, nella quale sono messi a confronto un artista storico e uno appartenente a una generazione più recente; Object, dedicata alle gallerie attive nella promozione di oggetti di design contemporaneo concepiti in edizione limitata e fruiti come opere d’arte.

Un nuovo ciclo di miartalks accompagna i giorni della fiera con una piattaforma per conferenze, conversazioni e interviste che coinvolge artisti, designer, direttori di museo, fashion designer, critici, curatori e collezionisti internazionali, e affronta i temi della produzione e della distribuzione, sviluppando il suo programma in differenti variazioni attorno ai quattro capisaldi che rendono Milano una città di riferimento a livello internazionale: arte, collezione, design e moda curati rispettivamente da Edoardo Bonaspetti, direttore, Mousse Magazine; Alessandro Rabottini, curatore esterno, GAMeC Bergamo e MADRE Napoli; Maria Cristina Didero, curatrice indipendente, Milano; Alessia Glaviano, senior editor, Vogue, Milano. Prosegue inoltre la serie di miartalks speciali in collaborazione con un progetto editoriale innovativo: 2014 series – tre conversazioni tra due relatori sul tema del tempo in relazione al fare arte, alla curatela e alla critica – sarà realizzato in collaborazione con 2014, nuova pubblicazione quinquennale ideata dal critico e curatore indipendente Luca Lo Pinto e dedicata a progetti d’artista, saggi, testi rieditati, immagini ritrovate in vecchie pubblicità